Energia Nucleare

Centrale nucleare di Cofrentes, Spagna
Centrale nucleare di Cofrentes, Spagna
Dopo la Prima Guerra Mondiale in Europa si attuano degli studi sul nucleare, portate avanti da scienziati come Einstein.
Nel 1933 sale al potere il nazismo e cominciano le persecuzioni contro gli ebrei, e anche Einstein, che aveva origini ebraiche, fu costretto a rifugiarsi insieme ad altri scienziati ebrei negli Stati Uniti, dove fece nuove scoperte sul nucleare che può rilasciare in modo esplosivo grandi quantità di energia.

Dopo queste scoperte gli scienziati decidono di provare a costruire una bomba e chiedono ad Einstein di firmare una lettera per raccomandare la costruzione della bomba atomica.
Un mese dopo scoppia la Seconda Guerra Mondiale ed il presidente prende iniziative fino a quando i giapponesi non distruggono la flotta americana, il 7 dicembre 1941. Allora il Presidente contatta gli scienziati e nasce il Progetto Manhattan, che portò alla produzione delle prime bombe atomiche.

Nel 1944 arrivano notizie su una prossima fine di Hitler e della mancanza di un progetto nucleare in Germania.

Allora inglesi e americani decidono di far scoppiare tre bombe per dimostrare la loro potenza. La prima scoppia ad Alamogordo, e perfino gli scienziati ne rimangono stupiti. Le altre due bombe vengono sganciate su Hiroshima e Nagasaki.

Al termine della guerra si è ormai capito che la bomba nucleare è un arma politica e viene utilizzata nella “guerra fredda” come strumento di deterrenza (strumento per intimidire, impaurire l’avversario).